Certificazioni Professionali

 

Progetto di Certificazione professionale a tre livelli per tutti gli operatori della Meeting & Event Industry

 

Rubber stamp over grey and white background with the text certified printed on it. Concept image for illustration of certification or guarantee certificate.

PREMESSE

Gli operatori della meeting & event industry in Italia sono divisi fra persone che hanno sviluppato autonomamente grandi competenze, persone che presidiano soltanto gli aspetti tecnici dell’attività, e una miriade di persone che collaborano alla realizzazione di convegni con attività ancillari e con preparazione raramente costruita sulle esigenze specifiche di questo comparto economico.

La “professionalizzazione” di tutti gli operatori è utile per dare credibilità, visibilità e valore alla meeting & event industry.

“Quelli che si innamorano della pratica senza la scienza, sono come il nocchiero che monta sulla nave senza timone e senza bussola e non ha mai la certezza di dove va”. Leonardo da Vinci

Esistono certificazioni professionali per meeting manager – CMP (Certified Meeting Professional, gestita dal Convention Industry Council) e CMM (Certificate in Meeting Management, gestita da MPI Internazionale).

Il progetto qui di seguito illustrato ha due elementi innovativi in senso assoluto:

a) prevede materiale di studio e test in lingua Italiana;

b) riguarda tutti coloro i quali contribuiscono a realizzare i convegni, non soltanto i meeting manager e i meeting coordinator.

Il secondo elemento è stato giudicato utile e all’avanguardia da rappresentanti di importanti associazioni internazionali di categoria. Ne consegue che l’immagine e la considerazione dei nostri operatori presso gli altri mercati possono trarre benefici con queste certificazioni.

Seguendo il percorso del riconoscimento professionale di Accredia e UNI, è inoltre possibile ottenere contemporaneamente lo stesso riconoscimento per tutta la Comunità Europea e gli organismi internazionali ad essa collegati.

Il Chapter Italia della Meeting Professionals International è stato riconosciuto come ente formatore dal Ministero dello Sviluppo Economico e cura il registro dei professionisti e tecnici certificati.

Il contenuti professionali sono definiti e aggiornati periodicamente dal Comitato Scientifico composto da professionisti che hanno conseguito certificazioni internazionali in base al sapere messo a sistema combinando le esperienze di migliaia di operatori a livello globale.

OBIETTIVI

Gli obiettivi della certificazione a tre livellis ono:

  • Elevare il tasso professionale degli operatori attraverso la diffusione degli standard internazionali (numerici e occupazionali):
  • Rendere più agevole le relazioni tra gli operatori attraverso la diffusione delle conoscenze e l’uso di un linguaggio comune;
  • Offrire agli enti di formazione la possibilità di promuoversi concedendo ai propri allievi crediti formativi per attestati e diplomi che abbiano “visibilità” e valore nella meeting industry (se patrocinati da MPI Italia Chapter e se i corsi impiegano docenti accreditati);
  • Accrescere la credibilità dell’Italia nella meeting industry internazionale.

In sintesi, i bisogni del mercato sono di due tipi, entrambi convergenti sulla professionalità consolidata: a) “sapere” e “riconoscimento”, per gli operatori; b) “ritorno dell’investimento”, per i committenti e i partecipanti ai convegni.

LE FIGURE TECNICHE E PROFESSIONALI

La meeting & event industry è idealmente composta da tre gruppi di operatori:

  • Gli organizzatori di convegni;
  • Gli specialisti che contribuiscono con un certo “peso” alla realizzazione dei convegni: promotori congressuali, gestori di sale convegni, assistenti congressuali;
  • I tecnici che collaborano alla realizzazione di alcuni segmenti dei convegni: guide e accompagnatori di convegnisti, esperti di viaggi e di trasferimenti, team builder.

Il progetto riguarda i tre gruppi e interessa:

  • tutti coloro che operano prevalentemente o saltuariamente per la realizzazione di convegni di ogni tipologia
  • chi dirige i convention bureau e le sedi in cui si possono svolgere convegni
  • chi vuole incrementare la preparazione dei propri collaboratori per i segmenti inclusi nella filiera dei convegni
  • chi è interessato nel marketing del territorio
  • chi insegna o desidera insegnare argomenti collegati alla meeting & event industry.

Le tre categorie di operatori possono aspirare ciascuna ad un diverso livello di “certificazione” correlato al valore teorico del loro apporto alla realizzazione dei convegni.

I primi (organizzatori di convegni) non possono che mirare alla “certificazione” professionale di più alto livello, sulla falsariga del CMP. Per questo livello di certificazione è previsto un test di 165 domande a risposta multipla su argomenti trattati nel “manuale” di 32 capitoli (in lingua Italiana). Chi supera il test diventa Certified Meeting Executive (CME-it).

Nota: I titoli sono designati in lingua Inglese perché il progetto è estendibile in molti Paesi, per cui la definizione comune rappresenta un plus. La nazionalità del professionista si rileva dal “suffisso” che segue l’acronimo: -it per l’Italia, -de per la Germania, -ru per la Russia, ecc.

I secondi (specialisti che collaborano sostanzialmente alla realizzazione dei convegni) possono sostenere un test di 100 domande a risposta multipla su argomenti specifici trattati dal manuale. Le domande verteranno sui capitoli contenenti gli standard relativi alle singole specializzazioni (20 dei 32 capitoli dell’intero manuale). Chi supera il test può fregiarsi del diploma Certified Meeting Specialist (CMS-it).

I “tecnici” (terzo gruppo) possono sostenere test articolati su 55 domande a risposta multipla su argomenti correlati alla loro specializzazione (11 capitoli dei 32 del manuale), ed ottenere l’attestato Certified Meeting Technician (CMT-it).

COSTI

Il processo d’iscrizione prevede che il candidato – dopo la verifica dei requisiti di ammissione – si iscriva versando una quota differenziata a seconda del titolo che desidera ottenere (rispettivamente 400, 250 e 140 Euro, più IVA per chi non è socio della Meeting Professionals International).

Ad iscrizione avvenuta, il candidato riceve un numero di matricola da utilizzare per scaricare i capitoli del manuale contenenti il sapere per il titolo che desidera conseguire.

Una volta iscritto, il candidato ha tempo due anni per fare (ed eventualmente rifare) il test.

I test si svolgono in località cruciali per l’accessibilità degli iscritti di ogni singola sessione.

MPI Italia provvede a ratificare i risultati, ad inviare il titolo agli interessati e a registrare i nomi negli appositi registri.

I partecipanti che conseguono il titolo, se ne possono fregiare secondo logica ed etica.

certificazioni-loghi

Copyright dr. Rodolfo Musco, SIAE